31 ottobre 2014

LUCIA DI RAIMONDO


CHI È:
architetto & paper designer, vive e lavora a Firenze.

FORMAZIONE:
Nel 2003 completa gli studi in Architettura presso l'Ateneo fiorentino; nel 2013 crea DIRALUDESIGN, un marchio che propone oggetti di interior design, opere artistiche ed allestimenti di vario genere basandosi sulla tecnica del Kirigami giapponese, ossia l'arte di intagliare la carta.

UN PO' DI LEI:
Lucia è da sempre attratta dall'Oriente, dalle sue forme ed architetture e dalle tecniche artistiche; è stato "amore a prima vista" con la tecnica del Kirigami, nata in Cina, poi sviluppatasi in Giappone. 
Il fascino dell'intaglio della carta sta nel dare ad un'idea dei contorni, una forma fatta di pieni e vuoti, uno charme artistico, adattandosi alle richieste dei committenti, che variano di volta in volta. 
I suoi PAPERCUT DESIGNS sono pezzi unici interamente realizzati a mano. Tutto nasce da un foglio di carta, entità piatta e bidimensionale; il suo intento è quello di estrarre l'essenza da quel foglio, di liberare ciò che vi è imprigionato dentro dandogli una forma, un carattere e, se possibile, "un'anima". Spesso per risolvere un ambiente si deve progettare un separé, un pannello, una porta scorrevole, la testata di un letto: l'architetto ascolta le esigenze e le traduce in disegni, ogni volta personalizzati per stile e cromaticità. 
DIRALUDESIGN di Lucia Di Raimondo ha partecipato e partecipa anche a mostre artistiche e nel maggio 2014 è stata tra gli espositori di Artigianato e Palazzo.
Tra i possibili progetti futuri la partecipazione a fiere internazionali, la collaborazione con hotel e resort per allestimenti ed eventi ed il proposito di proporsi a grandi marchi di distribuzione per l'arredamento d'interni.

CONTATTI:
Decorazioni d'interni - su appuntamento
Via Fibonacci 17 50131 Firenze
Telefono
338 2535818
http://www.diraludesign.com/
info@diraludesign.com

27 ottobre 2014

COSIMO DE VITA



CHI È :
Cosimo è un ragazzo di San Frediano cresciuto tra i vicoli di un quartiere magico fatto di botteghe artigiane e maestri d'arte e di vita, tra palazzi nobiliari e piccole case una sopra a quell'altra. Senza troppa modestia, pensa proprio di essere il frutto di questo magico mix :)
Ha aperto la sua prima bottega nel 2012 in via mazzetta dove ha iniziato ad esporre i suoi primi oggetti. Successivamente ha partecipato a varie mostre nazionali ed internazionali.
È un creativo con la passione per l'artigianato, un creativo che adora gli oggetti fatti con cura e passione.

FORMAZIONE:
Ha frequentato il Liceo León Battista Alberti nella sua città e quindi l'Accademia delle Belle Arti Firenze sezione scultura.

LAVORO ATTUALE E PROGETTI FUTURI:
Dopo aver aperto la sua bottega nel 2012 Cosimo sta cercando di creare un nuovo spazio multifunzionale in cento a Firenze, spostandosi da San Frediano.
La sua "bottega ideale" dovrebbe essere composta da questi spazi: un luogo dove sia possibile esporre i suoi oggetti, un altro dove realizzarli e uno studio dove pensarli.
La sua attività è in pieno sviluppo creativo e in questo istante si trova "nel mezzo del cammin della sua vita", intento a dover decidere molte cose ;) Intende riaprire in modo più professionale cercando di partecipare a più fiere possibili e mantenendo sempre la tradizione artigiana declinata in chiave moderna, per poter esportare il nostro vero ESSERE Italiani all'estero e non solo.

CONTATTI:
info@cosimodevita.com
Via Montebello 22
tel: 393 2841149


23 ottobre 2014

POP_UP: RIGENERAZIONE DEL CENTRO STORICO

Prende il via con una call for ideas aperta a tutti, POP UP lab - Riapriamo la città - un progetto innovativo finanziato dall'Autorità per la Partecipazione della Regione Toscana per animare con attività culturali e commerciali i fondi privati dei centri storici di cinque comuni toscani. Dopo il successo della prima edizione, che si è svolta a marzo nel piccolo comune di Castelfranco di Sotto (Pi), ed ha visto la riapertura di 30 fondi con più di 50 progetti di attività commerciali culturali e sociali, l'idea è cresciuta ed è divenuta un vero e proprio laboratorio di sperimentazione di pratiche per costruire nuovi modelli di condivisione degli spazi cittadini.

Come funziona POP UP lab? Nei cinque comuni coinvolti dal progetto POP UP lab, le Amministrazioni individuano fondi sfitti e in accordo con i proprietari provvedono a metterli a disposizione dell'iniziativa. Viene lanciata una call for ideas aperta a singoli e gruppi formali o informali, che propongono una idea o un progetto per animare i fondi nel corso di tre giorni. I vincitori del bando utilizzano gratuitamente i fondi a loro destinati per realizzare le idee presentate e organizzare attività sociali, culturali e commerciali di tipo amatoriale e/o imprenditoriale. La cornice delle attività è una tre giorni di eventi e iniziative aperte a tutti e pensate per rianimare i centri storici e individuare linee guida partecipate per la loro rivitalizzazione.

Dove e quando?
I cinque comuni che hanno creduto nell'iniziativa e vi hanno aderito sono i Comuni di Empoli (Fi), Campi Bisenzio (Fi),Cascina (Pi), Quarrata (Pt) e Monteverdi Marittimo (Pi). Nei loro centri storici si svolgeranno le iniziative di questa edizione di POP_UP Lab tra Dicembre 2014 e Maggio 2015. Il calendario delle iniziative prevede: POP UP Empoli 5-6-7 Dicembre 2014, POP UP Campi Bisenzio (Fi) 12-13-14 Dicembre 2014, POP UP Quarrata (Pt) 20-21-22 Marzo 2015; POP UP Cascina (Pi) 17/18/19 aprile 2015; POP UP Monteverdi Marittimo (Pi) 15-16-17 Maggio 2015.

Come partecipare? Per partecipare presentando la propria idea o attività da insediare nei fondi di uno dei cinque comuni, è sufficiente scaricare la call forideas dal sito www.popuplab.it e compilare il form di iscrizione entro lunedì 3 Novembre 2014 alle ore 13. La call è aperta a tutti: associazioni, gruppi informali, imprese, artigiani, aspiranti imprenditori, artisti, singoli, sia italiani sia stranieri, che presentino un progetto per riempire gli spazi vuoti con inventiva e creatività. Possono partecipare con progetti di vendita temporanea anche coloro che non hanno attività commerciale o partita IVA e sono incoraggiate le candidature di singolie di gruppi indipendentemente dalla loro provenienza e residenza.

Chi promuove POP UP lab? POP UP lab è finanziato dall'Autorità regionale per la partecipazione ed ha il patrocinio dell'Assessorato Regionale alla Presidenza e alla Partecipazione e al Commercio e dell'Assessorato regionale alla Cultura ed al Commercio.

"La Toscana è da più parti indicata come uno dei più significativi laboratori di innovazione istituzionale. Essere una frontiera avanzata della partecipazione significa però assumersi la responsabilità di spingersi in avanti. Un'idea di partecipazione nuova, efficace ed efficiente, che non si sostituisca alle decisioni che la politica è chiamata ad assumere, ma le renda più rapide e migliori. Pratiche innovative come questa sono parte integrante del nostro approccio alla partecipazione - sottolinea l'Assessore alla Presidenza della Toscana, Vittorio Bugli. "Una partecipazione non fondata sull'improvvisazione , ma sul dibattito pubblico, sull'attivazione di specifiche professionalità e su un utilizzo sistematico delle nuove tecnologie dell'informazione e della comunicazione."

"Rivitalizzare i centri delle nostre città è una priorità che non può essere affrontata senza la collaborazione di tutte le energie disponibili." è il commento dell'Assessore alla cultura e al commercio, Sara Nocentini. "Sperimentare processi di rigenerazione delle città attraverso il coinvolgimento di cittadini associazioni e privati è un passo importante nella giusta direzione della riqualificazione economica e sociale."
"abbiamo bisogno di inserire idee e energie che creino condizioni di nuovo entusiasmo e soprattutto di nuove opportunità nei nostri centri storici" sottolinea il Sindaco di Campi Bisenzio Emiliano Fossi. "Il centro per noi a Campi è spazio vitale e fondamentale sia dal punto di vista economico sia dal punto di vista sociale e di coesione sociale. Pop up rappresenta un altro tassello, nuovo e crediamo assolutamente innovativo, nel difficile lavoro di rigenerazione del centro di Campi Bisenzio. Uffici, Giunta e associazioni sono tutti impegnati in un lavoro sinergico e collettivo per la buona riuscita del progetto".

Perché POP UP lab? POP_UP Lab nasce dalla consapevolezza di un mutamento profondo nel profilo delle nostre città e dei nostri centri storici, e lancia una sfida alla immagine simbolo di questo processo: la saracinesca abbassata. I più recenti dati ISTAT relativi alle vendite al dettaglio nelle città italiane confermano quello che uno sservatore sperimenta ogni giorno: tra luglio e agosto 2014, per ogni nuova impresa commerciale che è stata avviata, due hanno chiuso le proprie porte. Per riempire i vuoti lasciati dalle attività commerciali, è necessario immaginare nuovi modelli di utilizzo degli spazi, che valorizzino la forza delle sinergie e mettano in rete la creatività dei singoli: gestione condivisa, temporary stores, coworking, spazi che non sono soltanto luoghi in cui si vendono merci e servizi, ma anche e soprattutto laboratori di creatività, produzione condivisa e cultura. Modelli che siano basati sul dialogo e la collaborazione attiva tra cittadini, privati e amministrazioni. Che permettano di sperimentare approcci innovativi che abbiano il potenziale di divenire politiche pubbliche intelligenti.

CONTATTI
www.popuplab.it
Facebook: https://www.facebook.com/pages/Pop-up-Lab/454096081358265?ref=hl
Twitter: https://twitter.com/Pop_Up_lab
Email: partecipa@popuplab.it
Tel:055667502

21 ottobre 2014

MOSTRA MERCATO "VIMINI E LEGNO"- I EDIZIONE A MONTEFIASCONE (VT)

L'associazione culturale Estrosidee, con sede a Montefiascone, in provincia di Viterbo, promuove nel centro della città la prima Mostra Mercato Interregionale “Vimini e Legno”, in cui si esporranno prodotti artigiani di hobbisti di assoluta qualità.


In Corso Cavour, nei giorni sabato 6 domenica 7 lunedì 8 Dicembre 2014 troveranno collocazione sotto spazi coperti e gratuiti tutti coloro che per professione o per diletto sono dei maestri di "Vimini e Legno".

Chiunque voglia partecipare a questo evento, deve iscriversi entro il 25 Ottobre 2014, telefonando a David 3386328225, Andreina 391773990 o Marcello 3498026770, oppure scrivendo a lartedellintreccio@gmail.com.

Ricordiamo che questa tre giorni si svolgerà in concomitanza con la festa dell'Olio d'Oliva.

Il Comune si impegna a realizzare una convenzione con gli alberghi per chi fosse interessato ad esporre alla manifestazione.

Non vi resta che chiamare ;)

17 ottobre 2014

FORMAZIONE ARTIGIANA: ViArt E VILLA FABRIS INSIEME PER I MESTIERI D'ARTE

Nuovo progetto per ViArt e Fondazione Villa Fabris, Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio, obiettivo la Formazione Artigiana, ha da settembre più di venti percorsi di formazione sulle diverse tecniche artistiche sotto la guida di eccellenti maestri artigiani

Ceramica, disegno creativo ed incisione, tessitura, rilegatura in pelle, lavorazione dell'argento, sono solo alcune delle proposte rivolte ad appassionati, studenti, professionisti che desiderino ampliare le proprie conoscenze ed abilità. I corsi verteranno su più livelli, dai corsi base per tutti ad una sorta di “formazione continua” degli artigiani e sono frequentabili singolarmente o cumulabili in percorsi ad hoc.  
Consultate il calendario e scegliete quello che più vi interessa!


Sabato 18 ottobre 2014 in occasione dell'evento “VILLA VIVA” in programma a Villa Fabris sarà possibile incontrare i docenti, assistere alle dimostrazioni pratiche e scegliere il proprio percorso personalizzato.

Il Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio è un organismo dedito alla tutela, alla promozione e alla valorizzazione dei beni culturali tramite la formazione professionale; esso svolge un'intensa attività didattica negli spazi annessi alla settecentesca Villa Fabris, immersa nel verde del grande parco. I corsi sono frequentati da artigiani, architetti, restauratori e cultori dell'arte provenienti da tutta Europa e da molti paesi extraeuropei. Dal 1977 oltre 6.000 persone, provenienti da circa 60 paesi, hanno frequentato i corsi del Centro. Per questa apertura, e per la sua particolare formula di insegnamento con interpretariato simultaneo in quattro lingue, il Centro è considerato un'istituzione di riferimento del settore, e la sola veramente internazionale. Inoltre è l'unico centro professionale che applica gran parte dell'insegnamento in forma interdisciplinare, alternando l'apprendimento pratico individuale, in laboratori distinti ma contigui, con lezioni teoriche collettive, nelle aule speciali.

INFO

14 ottobre 2014

POLI.design LANCIA LA NUOVA EDIZIONE DEL MASTER INTERNAZIONALE IN ACCESSORY DESIGN


E’ previsto per il 27 ottobre 2014 l’avvio della seconda edizione del Master internazionale in Accessory Design del Politecnico di Milano, gestito dal Consorzio POLI.design, diretto da Alba Cappellieri, Presidente del Corso di Laurea in Design della Moda presso la Scuola del Design, Politecnico di Milano.

Focalizzato sulla progettazione di accessori moda – per un totale di 14 categorie merceologiche, dai gioielli alla piccola pelletteria, dallo sportswear alle calzature – e sulla concreta possibilità di dare degli sbocchi professionali agli studenti grazie alla partecipazione delle principali aziende del settore, il Master si articola in workshop dove gli studenti realizzano concretamente i prototipi dei diversi accessori. 

Un progetto nato e sviluppato dall’idea che la moda oggi sia rappresentata principalmente dagli accessori: vere e proprie icone di stile e simboli di distinzione di un sapere artigiano Made in Italy, parte fondamentale delle origini e del dna della moda italiana, patrimonio di rilevanza internazionale. 
L’accessorio, nelle sue diverse interpretazioni, ricopre inoltre un ruolo di sempre maggiore importanza per le maison di moda che, per questo motivo, sono alla costante ricerca di designer capaci di interpretarne le molteplici sfaccettature.


Il Master, attraverso i suoi obiettivi formativi, si propone di rispondere esattamente a questa esigenza del mondo produttivo: intende creare una figura professionale, quella designer dell’accessorio moda, capace di integrare le competenze del fashion system e le specificità del settore, in grado di progettare accessori sia nell'ambito della qualità artigianale che della tecnologia, potendo così operare con successo nelle aziende del fashion, della pelletteria, della calzatura, dell’occhiale, del gioiello, dell’orologio, fino alla piccola pelletteria, alla valigeria, al mondo dello sportwear e degli sport estremi, dell’intimo, dei costumi, della maglieria, dei cappelli e degli accessori tecnologici.

Il mondo delle aziende, d’altro canto, ha risposto in maniera positiva all’impostazione del Master: prestigiosi marchi hanno confermato la propria partnership al progetto e interverranno attivamente con docenze e case histories, oltre ad attivare tirocini formativi per gli studenti al termine del percorso didattico.

Il master è solo alla seconda edizione, ma già annovera tra gli ex alunni numerose storie di successo: caso esemplare quello di Maria Celeste Sangermani e di Giulia Boscolo

Quest’ultima, terminato il tirocinio curriculare attivato grazie al Master presso un Brand di fama internazionale, è stata confermata come junior designer di Adidas España.
Maria Celeste, a sua volta, sta svolgendo il proprio stage presso un importante studio che si occupa di consulenza di progetto e produzione per grandi brand del settore della moda e sempre grazie al Master ha avuto modo di partecipare e di vincere il concorso Next Jeneration Jewellery Contest, terza edizione del premio per i giovani designer under 30, organizzato dalla Fiera di Vicenza in occasione di VicenzaOro Spring. Maria Celeste si è aggiudicata il primo premio con un progetto realizzato proprio nell’ambito del Master, la spilla Hold Me, un “gioiello sentimentale” ispirato al rapporto amoroso tra le neo-mamme e i propri figli. Oltre ad un premio in denaro, la designer avrà la possibilità di realizzare il proprio progetto che verrà esposto nella mostra allestita per VicenzaOro Fall.

“L’esperienza del Master è stata intensa e certamente molto positiva” - afferma Maria Celeste - “l’ho raccomandata anche a delle amiche che si stanno laureando in questo periodo e che mi hanno chiesto consiglio in proposito; sono molto felice per lo stage che sto svolgendo in questo periodo, a Master concluso: se avessi dovuto sceglierlo io, non sarei stata in grado di trovare un posto più bello! Ho modo di confrontarmi direttamente con un network di brand importanti e, allo stesso tempo, ho la possibilità di seguire personalmente lo sviluppo di un progetto anche nella fase di prototipazione vera e propria”.

Quale ulteriore dimostrazione del rapporto che il master ha stretto con le aziende, l’evento “Valextra Compasso D’Oro Project 2014”. Valextra, maison di lusso di fama internazionale, ha invitato gli studenti del master a ideare e progettare un accessorio originale, un prodotto che incarnasse la sinergia tra design e funzionalità, tra bellezza estetica e artigianalità. I progetti selezionati dall’azienda sono stati presentati in occasione del Salone del Mobile 2014 ed esposti nelle vetrine della boutique Valextra a Milano, in via Manzoni, attraverso la proiezione di video emozionali realizzati ad hoc. Al termine della Design Week, Valextra ha annunciato il miglior progetto e il giovane designer vincitore ha avuto la possibilità di frequentare uno stage nel reparto progettazione dell’azienda.


La collaborazione diretta con il mondo produttivo, quindi, fa in modo che lo studio non sia avulso dalla realtà cui si riferisce: un autentico plus che appartiene all’anima del Politecnico di Milano. 
Parte della cultura del Politecnico è, infatti, integrare l’alto artigianato con l’alta tecnologia: tutto questo fa sì che il mondo della moda riconosca alla formazione politecnica grandi vantaggi competitivi che si traducono in un bagaglio formativo e culturale unico da cui derivano opportunità professionali notevoli. 

Il Master in Accessory Design è erogato in lingua Inglese (gli studenti italiani potranno effettuare le revisioni in lingua italiana) e si avvale di una Faculty di docenti che rappresenta l’eccellenza italiana e internazionale in campo universitario e professionale; si rivolge a laureati di primo e secondo livello, in design e moda, a diplomati di scuole d'arte, operatori del settore e tutti coloro che intendono specializzarsi nel design dell'accessorio. 

Le lezioni si svolgeranno presso la sede di POLI.design, in via Durando 38/A a Milano.

Per informazioni 
si prega di contattare l'Ufficio Coordinamento Formazione, tel. 02.2399.7217, formazione@polidesign.net

9 ottobre 2014

lL PROSSIMO WEEKEND I “MAESTRI DEL GIOIELLO” VI DANNO APPUNTAMENTO NEL CUORE DI MILANO

Torna l'appuntamento annuale più atteso dagli amanti dell’Oreficeria Artigiana. I “Maestri del Gioiello”, anche quest’anno, vi aspettano allo storico e prestigioso Palazzo dei Giureconsulti, antico gioiello incastonato nel cuore di Milano, dal 10 al 12 ottobre 2014.


L’evento, promosso dall’Associazione Culturale ed Artistica Iperbole con il supporto organizzativo di Eventi Doc di Myriam Vallegra e del gruppo orafi Maestri del Gioiello e patrocinato, sin dal 2009, da Comune di Milano, Provincia di Milano e Regione Lombardia, vi sorprenderà con la maestria degli artigiani orafi italiani che sveleranno come nascono i loro splendidi e incantevoli gioielli. 

L’arte orafa italiana, una delle eccellenze del Made in Italy, ha profonde radici locali e specializzazioni regionali, e i “Maestri del Gioiello”, con una carrellata di pregevolezze italiane e la grande capacità di innovazione tecnica, stilistica e di materiali abbraccia, da nord a sud, le realtà orafe di diverse regioni d’Italia, in un viaggio alla scoperta di piacevoli sorprese.


La purezza e la bellezza del colore delle pietre preziose, la meraviglia di sfarzosi intagli e ornature, le scure e calde tinte di ebano, avorio, legno e metalli nobili: l’occasione giusta per far sentire ogni donna unica, bella e speciale con un gioiello esclusivo.

Ogni artista presente si contraddistingue per interpretazione, unicità di stile ed abilità di realizzazione: dalle assai ricercate tecniche di lavorazione celtiche, longobarde ed etrusche, all’uso della filigrana abruzzese e all’affascinante tecnica di smalto. Tutti i trucchi del mestiere di vere e proprie opere d’arte da indossare che i migliori orafi italiani, grazie alla loro esperienza e competenza, realizzeranno per voi con cura e ricercatezza. 


L’appuntamento con “Maestri del Gioiello” celebra l’alto artigianato orafo italiano, in un’irrinunciabile occasione di notevole livello artistico e in un contesto raffinato e suggestivo, mostrando raggianti collezioni di gioielli d’arte, adatti alla portabilità e all’acquisto di ogni tipo di budget,  dando luce all’estro e alla creatività dei maestri orafi che raccontano con passione il loro operato. 
I migliori esponenti contemporanei dell’arte del gioiello a vostra completa disposizione, per darvi l’opportunità di acquistare unici e originali pezzi “custom made”, a seconda dei vostri gusti ed esigenze.

Durante l’evento si terrà anche la sesta edizione del Concorso Jacopo da Trezzo, in ricordo di colui che per primo tagliò e lavorò il diamante e che, ancora oggi, sopravvive nelle doti artistiche e nella fantasia degli artigiani contemporanei. 
Il concorso vedrà competere gli orafi più talentuosi nella realizzazione di pezzi unici che verranno presentati al grande appuntamento del 2015 “Un Gioiello per Expo”: i temi più interessanti e le città delle esposizioni Universali e Internazionali del passato, presente e futuro. 


Alla 9° Rassegna Nazionale di Oreficeria Artigiana d’Eccellenza sarà possibile rivivere la vita quotidiana di un tempo attraverso i suoi antichi mestieri, preservando e valorizzando antiche tradizioni ancora oggi insite nella nostra cultura.  Un imperdibile tuffo nel passato per assaporare l’originalità e il talento odierno!



Maestri del Gioiello – Masters of the Jewel
9° Rassegna Nazionale Oreficeria Artigiana d’Eccellenza
10 – 11 – 12 Ottobre 2014
Palazzo dei Giureconsulti
Piazza Mercanti 2 (accanto a Piazza del Duomo sul percorso pedonale per via Dante ed il Castello Sforzesco) – MM1 Duomo - Milano
Ingresso al pubblico gratuito
Orari apertura mostra
Venerdì 10 Ottobre: 15.00 – 19.30
Sabato 11 Ottobre: 9.30 – 19.30
Domenica 12 Ottobre: 9.30 – 19.30

6 ottobre 2014

DANIELA CHELI


“Un pensiero che si concretizza, e diventa desiderio. E poi bisogno. Necessità di dare vita all’impulso creativo, e di farlo con materiali grezzi, a cui dare poi un nuovo volto. Unire il fare artigiano ad una forte visione delle forme. Questo è il mio obiettivo. Questo è il mio creare. Assorbire tutto ciò che di nuovo e fresco mi sta intorno; per migliorarmi, per raggiungere un livello successivo, in una continua metamorfosi di crescita”.

Inizia così la presentazione di Daniela Cheli, classe '93, designer del gioiello proveniente dal grossetano. Una ragazza decisa e determinata, che da qualche anno si è trasferita a Firenze per studiare design alla Laba (Libera Accademia di Belle Arti). È proprio qua che è venuta a contatto con il mondo dell’arte, avvicinandosi  sempre più all’ambito della moda. 

Fin da piccola è stata influenzata dal fare artigiano. I genitori curavano la produzione di borse Gucci e sua zia, figura molto importante della sua infanzia, lavorava e lavora tuttora come sarta. Tutto ciò, oltre ad innescare in lei un fervido processo di creatività, le ha fornito le nozioni di base a cui inizialmente non sapeva dare la giusta importanza ma che poi sarebbero riemerse negli anni successivi. 

Vivere a Firenze l'ha aiutata a trovare la sua personalità, a renderla cosciente dei propri limiti e di quanto potesse spingersi oltre di essi. Così è andata a ripescare quelle nozioni di base. Ha capito che doveva prendere quel ricco bagaglio di tecniche artigianali per abbinarlo a visione artistiche di più ampio respiro. Per darle una nuova voce, in ambiti diversi. Le ha affiancate a tutto ciò che di nuovo ha appreso in questi due anni fiorentini,  cercando di trovare un connubio che potesse dare vita alle sue idee. 

È così che sono nati i suoi gioielli. Daniela non segue una tecnica precisa. Procede per gradi. Il gioiello prende forma dentro la sua testa e cerca di darle vita con i materiali che ha a disposizione. Così cuce, dipinge, incolla, salda. Il tutto le viene naturale, quasi d’istinto, ma in ogni cosa cerca sempre di mantenere il giusto equilibrio. Predilige l’utilizzo della pelle e di colori scuri, illuminati dalle pietre. Il suo stile si caratterizza per un mood che vuole distinguersi, quasi eccentrico, che non tradisce mai il principio dell'eleganza.

Ogni gioiello che crea è un pezzo unico, non fa mai repliche. Il tutto è nato inizialmente per caso, con il solo scopo di dare sfogo alla propria creatività. Poi lentamente Daniela ha potuto constatare che le sue creazioni erano molto apprezzate. 

Così, incoraggiata dai consensi ottenuti, ha deciso di aprire una sua pagina facebook: DCD Daniela Cheli. Da lì le opportunità non hanno tardato a crearsi. Ha partecipato a vari shooting di mda, e i suoi pezzi hanno cominciato ad essere piuttosto richiesti. 

Al momento non ha progetti ben definiti per il suo futuro. Per ora sta raccogliendo tutte le fantastiche proposte che le si stanno presentando. Fino a quando dovrà cominciare a fare un po’ di selezione e prendersi la responsabilità di decidere quale strada imboccare...almeno dopo la laurea. Nel frattempo continuerà a fare quello che più le piace: assorbire tutto ciò che di nuovo e fresco le sta intorno! 
Perché è convinta che non sia mai abbastanza, che si può fare e bisogna fare sempre di più, per raggiungere un livello successivo, in una continua metamorfosi di crescita. 


2 ottobre 2014

"FORA BOTEGA" IN PIAZZA DEI SIGNORI A VICENZA

In calendario per domenica 5 ottobre a Vicenza, nella suggestiva cornice di Piazza dei Signori, un evento dedicato all’arte del restauro e all’artigianato artistico in generale. 

Obiettivo della manifestazione "Fora botega" è promuovere e valorizzare le eccellenze di coloro che a tali mestieri di alta qualità si dedicano unendo saperi antichi, manualità ed esperienza aggiornata nel tempo.


Quella del restauratore è una attività che permette a oggetti e manufatti antichi, siano essi storicamente importanti o che hanno semplicemente un valore affettivo per le persone, di tornare al loro antico splendore. L’artigianato artistico, dal canto suo, ha la capacità di elaborare ogni genere di materiali in chiave creativa, spesso dando vita a pezzi unici, trasmettendo un gusto collettivo non solo tradizionale ma sempre più spesso legato alle nuove acquisizioni del design e delle tecnologie.

Tutto questo si potrà dunque ammirare nella domenica di ottobre in cui trentacinque artigiani proporranno al pubblico il meglio della loro attività, non sono illustrando il prodotto finito ma anche dando prova “dal vivo” del processo creativo.

Il pubblico potrà scoprire quindi le particolarità della lavorazione dell’argento, dell’oro e della ceramica, ma anche della pelle, dei tessuti e del marmo; vedrà come si costruiscono e restaurano strumenti musicali, mobili in legno o imbottiti, come si recuperano libri e tele; assistere  in diretta alla nascita di litografie; scoprirà quanta e quale precisione servano per l’arte dell’intarsio.


Uno “spettacolo” tutto da ammirare, insomma, che non mancherà di suscitare interesse tanto negli adulti quanto nei giovani e giovanissimi.

L’iniziativa prevede l’installazione di aree espositive coperte, dove poter effettuare anche la vendita dei prodotti: riconoscere i vari gazebo che ospitano le attività sarà semplice, visto che nella piazza si ergerà una sorta di “torre” bianca con adeguate informazioni scritte.

Promossa da Confartigianato con la collaborazione del Comune di Vicenza, la manifestazione vede tra gli organizzatori anche ViArt, che ha recentemente riaperto il suo punto espositivo di artigianato artistico nella vicina Piazza delle Erbe.

Il video di presentazione a questo link.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...