30 agosto 2013

“OFF-IDENTIKIT”: LE OPERE DI ELENA BIANCHINI A NEW YORK


L’eccellenza del Made in Italy è la nostra prima fonte rinnovabile di esportazione. I nostri giovani lo sanno bene, sanno quanto le loro idee siano vincenti, quanto la tenacia e la determinazione regalino successi talvolta inaspettati.
Dopo Stefano Pedonesi e Daniele Davitti, il popolo americano si è lasciato conquistare dagli splendidi capolavori in carta pesta della nostra Elena Bianchini, che dal 12 Settembre al 17 Ottobre sarà ospite allo Spazio 522 per rendere omaggio attraverso le sue “maschere” a Francesca Alinovi, eclettica e brillante critica d’arte, di cui quest’anno ricorre il trentennale della scomparsa.  Fu proprio la Alinovi nel 1982 con Italian Wave, una mostra alla Holly Solomon Gallery a portare nel cuore del mercato mondiale dell’arte la creatività del nostro Paese.
E Italian Wave è appunto il titolo della rassegna ideata e curata da Veronica Santi all’interno della quale si inserisce l’esposizione di Elena Bianchini, un progetto , che come spiega la curatrice stessa “nasce da una collaborazione con Antonio Soddu, parrucchiere italiano a New York che ha il suo salone a Chelsea comunicante con una galleria d'arte, il quale mi ha chiesto di fare qualcosa insieme per lo spazio che era inutilizzato e io gli ho proposto di esporre i pittori italiani che abitano a New York, con un occhio particolare nei confronti degli emergenti ma anche dei dimenticati in patria”.

La Grande Mela parla sempre più italiano, ma con Elena e i nostri “protagonisti” diventa davvero da Accademia della Crusca ;)

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...