23 maggio 2013

UN WEEKEND CON GLI UFFIZI RICORDANDO "LA NOTTE DEI GEORGOFILI"

                                                                              Fonte: beniculturali.it

Nella notte tra il 26 e il 27 Maggio 1993, una bomba collocata in via dei Georgofili, uccideva 5 persone, ne feriva quasi 50 e danneggiava – talvolta in maniera irreparabile – una parte del patrimonio della Galleria degli Uffizi. 
Tre  dipinti  andarono  perduti,  mentre  in  totale  furono  guastate  circa  200  opere  (150  quadri  e  50 sculture), tra quelle esposte e quelle nelle stanze della riserva. 
Per  ricordare  l’accaduto  e  commemorare  le  vittime,  la  Direzione  del  museo  e  i  responsabili  della Fondazione non profit Friends of Florence hanno programmato alcune importanti iniziative per domenica 26 Maggio: la presentazione di una scultura in bronzo e oro dedicata alla memoria delle vittime e offerta dai Friends of Florence e l’apertura gratuita della Galleria degli Uffizi dalle 19 alle 23.30
L’opera, dal titolo I Passi d’oro, è stata realizzata in bronzo e oro dal pistoiese Roberto Barni, scultore di fama internazionale. 
Inoltre sempre domenica il pubblico potrà partecipare anche  a  speciali  visite  gratuite  (senza  prenotazione)  che prenderanno  il  via  dalle  19  fino  alle  23  e  saranno  offerte  da  40  guide  turistiche  professionali  di  AGT  e Mercurio e di 65 volontari della Soprintendenza. La Direzione, d’intesa con il personale della Galleria, attiverà in  quell’occasione  una  raccolta  di fondi. Il ricavato, per unanime convinzione, sarà devoluto a favore della ricostruzione  della  ‘Città  della  Scienza’  di  Napoli,  distrutta  da  un  incendio  doloso  pochi  mesi  fa.  Anche  la caffetteria  del  museo,  gestita  dalla  famiglia  Bartolini,  donerà  l’intero  incasso  della  serata  alla  ‘Città  della Scienza’.


Invece per lunedì 27 Maggio alle 9 in piazza della Signoria è fissato il ritrovo per il “Girotondo per Caterina. Firenze abbraccia gli Uffizi”, un’iniziativa organizzata dall’Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Firenze: un girotondo intorno al complesso vasariano degli Uffizi che coinvolgerà oltre 600 ragazzi di tutte le scuole primarie e secondarie inferiori di Firenze. Il nome fa riferimento sia alla più piccola delle vittime di via dei Georgofili (Caterina Nencioni) che aveva solo 50 giorni quando perse la vita – le altre vittime furono Nadia Nencioni (9 anni), Dario Capolicchio (22 anni), Angela Fiume (36 anni), Fabrizio Nencioni (39 anni) – sia al primo museo d’Italia, gli Uffizi, il cui patrimonio storico-artistico fu barbaramente oltraggiato.

Un invito per tutti a prendere la vostra maglietta bianca dell’evento e a partecipare numerosi!

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...